500 statue buddiste demolite, altri simboli religiosi nascosti o rimossi in Cina

Il buddismo è stato introdotto in Cina sin dalla dinastia Han orientale, da allora i templi, le statue e i simboli religiosi collegati a questa fede si sono moltiplicate in Cina.

Le statue del Buddha della medicina e di Nanhai Guanyin, la Dea della Misericordia nel buddismo cinese, sono diventati simboli iconici nel famoso punto panoramico della Valle dello Yaowang, nel Sichuan.

Il Buddha della Medicina, alto 27 metri, si trovava in cima a una montagna nella Valle di Yaowang ed era visibile da diversi chilometri di distanza. Buddisti e turisti lo raggiungevano faticosamente salendo 357 gradini. Il Nanhai Guanyin, alto 21 metri, era una delle principali attrazioni del luogo, attirando fedeli e non da tutto il mondo.
Ora però non lo è più. Entrambe le statue sono state demolite a fine marzo su ordine del governo della contea, dichiarando che “le statue buddiste erano troppo alte e avrebbero influenzato la fotografia aerea”.

Guanyin del monte Xiqiao
Guanyin del monte Xiqiao
Whw / Public domain

L’anno scorso, il governo centrale ha emesso ordini affinché venissero presi provvedimenti contro i simboli religiosi visibili all’aperto in tutto il Paese e ha inviato squadre di ispezione per controllarne l’attuazione.

La statua quadrangolare di Guanyin, situata fuori dal Tempio buddista orientale (東佛寺) nel villaggio di Xinyi a Shibantan, una città amministrata dal distretto di Xindu della città di Chengdu, è stata demolita il 9 novembre 2018.

La famosa scultura del Buddha sdraiato all’esterno del Tempio di Arhat, nella città di Mianyang nel Sichuan, di colore bianco e di notevoli dimensioni, era circondata da cinquecento statue Arhat con altezze variabili. A maggio, l’Ufficio per gli Affari religiosi locale ha ordinato al tempio di rimuovere le 500 statue di costruire una copertura per nascondere il Buddha sdraiato.

Inoltre, 330 statue di Buddha Shakyamuni alte 1,8 metri e altre 88 figure religiose all’esterno del tempio di Arhat sono state coperte con una struttura di vetro appositamente costruita. Anche altri 1.200 simboli religiosi all’aperto sono stati nascosti.

I cambiamenti riguardano tutte le religioni, non solo il buddismo. Il partito comunista al potere in Cina ha ordinato ai governi locali di regolamentare meglio la costruzione di grandi statue religiose all’aperto. Ad alcuni credenti e chiese cristiane è stato chiesto di sostituire i simboli religiosi, comprese le immagini di Gesù, con le immagini del presidente Mao, o altri simboli e testi comunisti.

Wang Yang, membro del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese e presidente del Comitato nazionale della Conferenza consultiva politica del popolo cinese (Cppcc), ha chiesto di formare personale religioso più qualificato e patriottico per promuovere il sano sviluppo di tutte le fedi e guidare le religioni nell’ adattarsi a una società socialista.

Alcuni simboli religiosi rimossi fanno parte ricostruzioni abusive, anche imponenti, costruite negli ultimi decenni e senza i requisiti necessari per garantire il rispetto delle norme di sicurezza cinesi.

Fonti:

https://www.catholicnewsagency.com/news/chinese-christians-told-replace-christ-with-mao-or-lose-government-support-50764

https://www.dailymail.co.uk/news/article-8544835/China-orders-Christians-destroy-crosses-churches-images-Jesus.html

http://www.xinhuanet.com/english/2020-07/27/c_139244423.htm

https://apnews.com/5a9c70110c524804856897a091e79036/China-orders-crackdown-on-large-outdoor-religious-statues

PreviewPreview7:07China: Crackdown on Buddhism | DW News

Share

Redazione

Next Post

Cina e Iran si avvicinano ad un accordo da 400 miliardi di dollari

Lun Ago 17 , 2020
La Cina e l’Iran hanno delineato una partnership commerciale e militare a lungo termine che vedrà circa 400 miliardi di dollari di investimenti cinesi confluire in Iran nella prima fase […]