27/11/2020

Donald Trump e Xi Jinping potrebbero firmare un accordo commerciale provvisorio.

2 min read
President Donald J. Trump joins Xi Jinping, President of the People’s Republic of China, at the start of their bilateral meeting Saturday, June 29, 2019, at the G20 Japan Summit in Osaka, Japan. ( Official White House Photo by Shealah Craighead)

President Donald J. Trump joins Xi Jinping, President of the People’s Republic of China, at the start of their bilateral meeting Saturday, June 29, 2019, at the G20 Japan Summit in Osaka, Japan. ( Official White House Photo by Shealah Craighead)

Il presidente cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si incontreranno in occasione del vertice Apec in Cile a novembre.

President Donald J. Trump joins Xi Jinping, President of the People’s Republic of China, at the start of their bilateral meeting Saturday, June 29, 2019, at the G20 Japan Summit in Osaka, Japan. ( Official White House Photo by Shealah Craighead)
President Donald J. Trump joins Xi Jinping, President of the People’s Republic of China, at the start of their bilateral meeting Saturday, June 29, 2019, at the G20 Japan Summit in Osaka, Japan. ( Official White House Photo by Shealah Craighead)

Il presidente cinese Xi Jinping e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si incontreranno probabilmente il 17 novembre con l’obiettivo di firmare un accordo commerciale interinale.

Gli inviati commerciali di Pechino e Washington stanno ancora completando il testo da firmare per la prima fase dell’accordo mentre Trump ha detto lunedì che i negoziati sull’accordo interinale sono in anticipo sui tempi previsti.

“Stiamo cercando probabilmente di essere in anticipo rispetto al programma per firmare una parte molto ampia dell’accordo con la Cina, e lo chiameremo fase uno, ma è una parte molto grande”, ha detto Trump. ” Questo dovrebbe prendersi cura degli agricoltori. Si occuperebbe di alcune delle altre cose. Si prenderebbe anche cura di molte delle esigenze bancarie.

L’agenzia di notizie di Xinhua ha affermato sabato che i negoziatori hanno ” convenuto di rispondere adeguatamente alle reciproche inquietudini” e hanno “sostanzialmente completato le discussioni tecniche su parti del testo”. In particolare, la Cina revocherà l’attuale divieto di importazione di pollame dagli Stati Uniti e riconoscerà il sistema americano di certificazione sanitaria pubblica per le importazioni di prodotti a base di carne.

L’accordo interinale dovrebbe contenere anche una disposizione sulla protezione della proprietà intellettuale, una richiesta fondamentale degli Stati Uniti. La Cina ha adottato misure per migliorare la protezione della proprietà intellettuale, compresa l’istituzione di un sistema per punire e risarcire i casi di violazione e migliorare la risoluzione delle contenziosi.

 

Share