23/08/2022

ViadellaCina.com

Notizie e informazioni sulla Cina

La Cina suggerisce come Russia e Ucraina possono fare la pace

2 min read
Zhang Jun

hang Jun, permanent representative of China to the United Nations

Il dialogo è la soluzione chiave alle tensioni tra le due nazioni, sostiene Pechino

Gli alti funzionari di Mosca e Kiev devono sedersi al tavolo dei negoziati per stabilire un percorso di de-escalation dell’aggressione, ha detto uno dei principali diplomatici di Pechino, mentre le forze armate della Russia continuano ad attaccare l’Ucraina.

Parlando lunedì in una sessione di emergenza, il rappresentante permanente della Cina all’ONU, Zhang Jun ha spiegato come crede che le tensioni tra le due ex repubbliche sovietiche possano essere allentate. “La cosa più importante in questo momento è tornare sulla pista dei negoziati diplomatici e trovare un accordo politico il più presto possibile per facilitare una de-escalation”, ha sostenuto. Secondo il diplomatico, “la Cina sostiene il dialogo diretto e il negoziato tra la Russia e l’Ucraina”, che insiste è il modo definitivo per risolvere il conflitto. Zhang ha anche detto che la comunità internazionale dovrebbe “dare la priorità alla pace regionale, alla stabilità e alla sicurezza universale per tutti”.

Le sue osservazioni giungono a seguito della decisione del presidente russo Vladimir Putin di intraprendere un’azione militare contro l’Ucraina giovedì scorso. Le sue osservazioni arrivano a seguito della decisione del presidente russo Vladimir Putin di intraprendere un’azione militare contro l’Ucraina giovedì scorso. Questa azione è giunta poche ore dopo la richiesta di assistenza al Cremlino da parte dei leader delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, recentemente riconosciute, in relazione a quello che ritengono essere un picco di “aggressione” da parte di Kiev.

Putin ha insistito che l’offensiva mira a “smilitarizzare” il paese e a liberarlo da elementi “nazisti”. Poco dopo il discorso televisivo del presidente russo, una serie di esplosioni ha colpito installazioni militari strategiche e campi d’aviazione in Ucraina. Diverse esplosioni sono state segnalate in tutto il paese da allora, con filmati che circolano online che mostrano una grande esplosione alla sede regionale del governo di Kharkov martedì. Un certo numero di commentatori online sostengono che è il risultato di un attacco russo, mentre altri sostengono che il missile proveniva dalle forze armate dell’Ucraina.

Pechino ha precedentemente accusato gli Stati Uniti di aver infiammato le ostilità che hanno portato all’incursione di Mosca nel paese vicino. Parlando giovedì scorso, la portavoce del ministero degli Esteri cinese Hua Chunying ha definito i funzionari di Washington come “il vero colpevole delle attuali tensioni”. “Se qualcuno continua a versare olio sulle fiamme mentre accusa gli altri di non fare del loro meglio per spegnere il fuoco, questo tipo di comportamento è chiaramente irresponsabile e immorale”, ha affermato Hua.

Hua Chunying

Il mese scorso, Putin e il suo omologo cinese Xi Jinping hanno rilasciato una dichiarazione congiunta chiedendo di fermare l’espansione della NATO, a cui Mosca si oppone con veemenza e che ha cercato di evitare ottenendo garanzie di sicurezza dal blocco militare guidato dagli Stati Uniti.

Share