26/11/2020

L’ambasciatore USA in Cina Terry Branstad si dimette per aiutare Trump nella campagna elettorale

2 min read
United States Department of State / Public domain
United States Department of State / Public domain

L’ambasciatore statunitense in Cina Terry Branstad lascia il suo incarico prima delle elezioni di novembre, in parte perché il presidente Donald Trump ha esortato l’ex governatore dell’Iowa a tornare per aiutarlo nella campagna elettorale, secondo alcune fonti.

Poiché Branstad ha sempre avuto l’intenzione di servire un solo mandato, la sua uscita era prevista, secondo diversi funzionari dell’amministrazione e persone che lo conoscono bene. Ma da poche settimane, secondo due fonti familiari, Branstad aveva in programma di rimanere a Pechino fino a dopo le elezioni. La situazione è cambiata quando Trump ha chiesto a Branstad di tornare negli Stati Uniti e di condurre una campagna per lui dopo più di tre anni a Pechino. “Ecco perché la sta finendo in anticipo – ha detto una fonte che conosce la richiesta – perché il presidente l’ha chiesto”.

La notizia arriva nel mezzo di crescenti tensioni tra gli Stati Uniti e la Cina su diversi fronti. Il governo cinese ha annunciato venerdì di voler imporre restrizioni non precisate ai diplomatici e al personale americano di alto livello all’interno della Cina dopo che Washington ha messo in atto una misura simile nei confronti del corpo diplomatico di Pechino il 3 settembre.

Branstad è amico del presidente cinese Xi Jinping fin dagli anni ’80, anche se il suo ruolo di ambasciatore si è fatto sempre più difficile negli ultimi mesi, quando le relazioni tra Stati Uniti e Cina sono andate in frantumi a causa della pandemia del coronavirus. Alla fine Branstad non è mai stato in grado di sfruttare il rapporto personale a vantaggio delle relazioni bilaterali.

Trump ha fatto riferimento all’ambasciatore uscente e a suo figlio Eric Branstad – che è un consulente senior di Trump Victory 2020, il comitato congiunto di raccolta fondi tra la campagna e il Comitato Nazionale Repubblicano – durante una telefonata con il senatore repubblicano dell’Iowa Joni Ernst.

The Trump campaign believes that Branstad could have an impact on voters in Iowa, Wisconsin, Missouri and even Minnesota, according to two sources familiar.

Share