30/11/2022

ViadellaCina.com

Notizie e informazioni sulla Cina

Le forniture natalizie di Apple a rischio per la rivolta dei lavoratori Foxconn

2 min read

Se i vostri piani per le feste prevedevano un iPhone sotto l’albero di Natale, potreste rimanere molto delusi. Nel principale sito di assemblaggio di iPhone è scoppiata una rivolta. Gli operai cinesi affrontano infatti le forze dell’ordine. In alcuni video online si è visto l’uso di gas lacrimogeni mentre gli operai rompevano le finestre e distruggevano le recinzioni. La maggior parte delle immagini e dei filmati sono stati occultati dai media cinesi, ma alcuni di essi sono stati diffusi al di fuori della Cina. Tutto ciò sta accadendo in una fabbrica gestita dalla Foxconn, il più grande produttore di iPhone, che dovrebbe produrre oltre l’80% degli ultimi modelli di iPhone previsti per le prossime festività. La politica cinese di “zero covid” sta ostacolando seriamente i piani di consegna di Apple e sta anche esasperando la popolazione, creando presumibilmente più confusione e persino morti della stessa pandemia. I lavoratori della Foxconn sono tra le vittime di queste politiche, che hanno visto restrizioni di libertà al di là di quanto gli europei possano immaginare. I lavoratori protestano anche per le condizioni di pagamento e sanitarie della fabbrica. Alcune persone sono state filmate mentre cercavano di demolire una stazione di test di Covid all’esterno della fabbrica. 

This image grab taken from AFP video footage and posted on November 23, 2022 shows workers at Foxconn’s iPhone factory in Zhengzhou in central China clashing with riot police as well as people wearing hazmat suits. – Violent protests have broken out around Foxconn’s vast iPhone factory in central China, as workers clashed with security personnel over pay and living conditions at the plant. (Photo by AFPTV TEAMS / AFPTV / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE – MANDATORY CREDIT “AFP PHOTO” – NO MARKETING NO ADVERTISING CAMPAIGNS – DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS – NO ARCHIVE
Share