20/04/2021

ViadellaCina.com

Notizie e informazioni sulla Cina

L’Iran conferma che la società petrolifera statale cinese si è ritirata da un accordo da 5 miliardi di dollari.

1 min read
www.dragonoil.com. [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]

www.dragonoil.com. [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]

La società cinese ritira l’accordo con l’Iran in quella che sembra essere una ulteriore battuta d’arresto economica a causa delle sanzioni statunitensi.

www.dragonoil.com. [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]
www.dragonoil.com. [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]

La compagnia petrolifera statale cinese si è ritirata da un accordo da 5 miliardi di dollari per sfruttare una parte del massiccio giacimento di gas naturale offshore iraniano, ha dichiarato il ministro del petrolio della Repubblica Islamica.

L’affare del campo di South Pars, stipulato sulla scia degli accordi nucleari iraniani del 2015 con le potenze mondiali, sembra essere una delle più recenti vittime della campagna di pressione degli Stati Uniti su Teheran a seguito del ritiro unilaterale del presidente Donald Trump dagli Stati Uniti dall’accordo.

Questo avviene inoltre mentre la Cina e gli Stati Uniti si stanno lanciando in una vera e propria guerra commerciale, mentre Pechino e Washington impongono miliardi di dollari di tariffe su beni reciproci.

Il ministro del petrolio Bijan Zangeneh, citato dall’agenzia di stampa SHANA del ministero, ha affermato che la China National Petroleum Corp “non è più nel progetto”.

Per il momento non sono stati forniti ulteriori dettagli ne da fonti iraniane, ne cinesi.

Share