26/11/2020

L’Unione Africana darà inizio alla seconda fase del programma infrastrutturale con un aumento del budget per l’implementazione

2 min read
Par U.S. Department of State — https://www.flickr.com/photos/statephotos/8826657534/sizes/o/in/photostream/, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26305920

Par U.S. Department of State — https://www.flickr.com/photos/statephotos/8826657534/sizes/o/in/photostream/, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26305920

L’Unione Africana (UA) avvierà la seconda fase del Programma per lo Sviluppo delle Infrastrutture in Africa (PIDA), che si concentrerà su settori quali strategie di collegamento intelligenti e integrate, fonti di energia rinnovabili e digitalizzazione.

L’Unione Africana (UA) ha annunciato l’avvio della seconda fase del Programma per lo Sviluppo delle Infrastrutture in Africa (PIDA), che si concentrerà su strategie di trasporto intelligenti e integrate, fonti di energia rinnovabili, creazione di posti di lavoro, potenzialità dei progetti per i giovani e sensibilità di genere, nonché sulla digitalizzazione.
Parlando alla stampa lunedì nel quadro del 33° summit dell’UA nella capitale dell’Etiopia Addis Abeba, il Commissario UA per le infrastrutture e l’energia, Abou-Zeid Amani, ha detto che il prossimo PIDA sarà realizzato con un costo di 135 miliardi di dollari, che secondo lei è più costoso.

Par U.S. Department of State — https://www.flickr.com/photos/statephotos/8826657534/sizes/o/in/photostream/, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26305920
Par U.S. Department of State — African Union – https://www.flickr.com/photos/statephotos/8826657534/sizes/o/in/photostream/, Domaine public, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=26305920

Il PIDA è un’iniziativa faro dell’UA adottata nel gennaio 2012 per sostenere l’obiettivo generale dell’Agenda 2063 dello sviluppo della trasformazione socio-economica del continente nei prossimi decenni.
In vigore fino al 2040, il PIDA è stato approvato da tutti i capi di Stato africani per fungere da quadro strategico continentale per le infrastrutture.
Osservando che la prima fase decennale si concluderà entro il 2020, il Commissario ha detto che la prossima fase del programma sarà attuata dal 2021 al 2030 in modo completo e più inclusivo.

“L’Africa è più che mai pronta” a rafforzare ulteriormente la cooperazione con la Cina, con particolare enfasi sulla connettività delle infrastrutture in Africa, che è “molto importante” per la facilitazione del commercio nell’ambito dell’accordo di libero scambio continentale, ha detto il commissario UA per il commercio e l’industria Albert Muchanga a Xinhua.

Share