30/11/2022

ViadellaCina.com

Notizie e informazioni sulla Cina

Scholz ottiene un accordo con la Cina per il porto di Amburgo

2 min read
Raramente un accordo ha incontrato una così forte opposizione governativa. Il mese scorso sei ministeri tedeschi si sono pronunciati contro la prevista acquisizione da parte del trasportatore cinese Cosco di una quota in un terminale container di Amburgo. Ma l’affare è stato concluso lo stesso.
L’uomo che ha garantito il passaggio sicuro attraverso il gabinetto tedesco è stato il Cancelliere Olaf Scholz. Egli ha insistito per un compromesso: Cosco avrebbe dovuto accontentarsi di una quota del 25%, anziché del 35% proposto inizialmente.
Ma il ministero degli Esteri tedesco è rimasto contrario, anche dopo aver ottenuto l’approvazione da parte di Scholz. Il segretario di Stato Susanne Baumann ha inviato una lettera di protesta al capo dello staff di Scholz, Wolfgang Schmidt, affermando che la transazione “aumenta in modo sproporzionato l’influenza strategica della Cina sulle infrastrutture di trasporto tedesche ed europee e la dipendenza della Germania dalla Cina”.
Scholz, tuttavia, non poteva permettersi di veder fallire l’accordo. Venerdì diventerà il primo leader del G7 a tenere colloqui a Pechino con il presidente cinese Xi Jinping dall’inizio della pandemia di Covid-19. L’annullamento della transazione Cosco avrebbe gettato una lunga ombra su un viaggio di grande importanza simbolica sia per Pechino che per Berlino.
Tuttavia, gli osservatori della Cina hanno ritenuto il suo intervento sconcertante. “Dà l’impressione che stia offrendo al neo-incoronato Xi Jinping un regalo prima del viaggio, un regalo che non aveva alcun bisogno di fare”, afferma Noah Barkin di Rhodium Group, una società di ricerca con sede a New York.

 

Share