20/09/2021

ViadellaCina.com

Notizie e informazioni sulla Cina

Università della Pace, Conferenza: Effetti della disinformazione, dai conflitti alla quotidianità.

3 min read
Università della Pace di Roma (UniPace)

Università della Pace di Roma (UniPace)

Il 15 settembre 2021 si terrà la conferenza: Effetti della disinformazione, dai conflitti alla quotidianità, presso la sede di Adnkronos a Piazza Mastai, 9 ed è organizzato dall’

– Dipartimento di scienze politiche. Esso intende combattere la diffusione di notizie false o manipolatorie e smascherarle all’opinione pubblica.

Saranno raccolte le testimonianze e gli interventi di circa 10 relatori di rilievo, scelti tra i massimi esperti di 4 diversi settori, tra cui: Storia, Media e Social,  Medicina e Scienza Politica.  L’evento sarà realizzato in formula mista, affiancherà infatti all’evento fisico gli interventi live streaming dei relatori.  La conferenza sarà registrata con tutti gli interventi in italiano e sottotitolati in inglese in post produzione.
Tra gli obbiettivi della conferenza figura l’ideazione e la firma di un documento d’intenti contro la disinformazione e l’eventuale formazione un tavolo di lavoro per continuare ad analizzare questi importanti temi e stimolare il dibattito in Italia sui costi economici e sociali del fenomeno in corso.

In apertura, i saluti del Prof. Ing. Gianni Cara, Presidente di UniPace Roma.

Modera: Prof. Enea Franza, Direttore Dipartimento Scienze Politiche di UniPace Roma.

STORIA

    1. Prof. Luca Giansanti, Dottore di Ricerca, già docente di Storia Sociale dell’Europa contemporanea presso l’Università La Sapienza.
    2. Prof.ssa Daniela Caruso, Università della Pace Dipartimento di Pedagogia e Ricerca Educativa, sinologa.

MEDIA & SOCIAL

  1. Andrea Rustichelli, Giornalista del Tg3 RAI.
  2. Dott. Igor Schiaroli, Board & CEO WREP, Web Reporter EU Registry.
  3. Maurizio Pizzuto, Direttore agenzia di stampa Prima Pagina News, già membro ordine dei giornalisti.
  4. Avv. Edoardo Polacco, Avvocato penalista, difensore dei diritti civici e social influencer.

MEDICINA & SCIENZA

  1. Prof. Massimo Galli, Professore presso l’Università Statale di Milano e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie infettive presso l’Ospedale Luigi Sacco di Milano.
  2. Prof. Giulio Tarro, già Primario dell’Ospedale. Cotugno per le malattie infettive, già candidato al Nobel per la Medicina
  3. Dott. Pasquale Marchione, Dirigente Professionalità Sanitarie di AIFAProf. Massimo Ciccozzi, epidemiologo 4. molecolare presso l’Università Campus Biomedico di Roma.
  4. Prof. Massimo Ciccozzi, epidemiologo 4. molecolare presso l’Università Campus Biomedico di Roma.

POLITICA

  1. Mario Baccini, Già Ministro della funzione 1. pubblica, già Sottosegretario del Ministero degli Affari Esteri, già Vicepresidente del Senato, oggi presidente dell’Ente Nazionale per il microcredito.

Per accedere alla conferenza occorre esibire il green pass. Il numero di posti è limitato, per richiedere l’accredito scrivere a: difesainformazione@gmail.com

La diffusione di notizie false o scarsamente verificabili influenza la vita dei singoli e delle nazioni ancor più di ciò che si pensa comunemente. Per questo, si tratta che necessita di sempre più attenzione da parte di tutti gli attori coinvolti.

I mass media, grazie all’utilizzo di informazioni parziali e non verificate, fanno leva sulla sensibilità del pubblico e contribuiscono spesso a cambiare la percezione della realtà o di come essa viene percepita. Questo tipo di fenomeno arriva a influenzare sia le scelte che si compiono nel quotidiano, che portano alla costituzione di veri e propri atti di violenza, discriminazione, sia quelle internazionali, che portano all’avvio di conflitti e al capovolgimento o cancellazione di rapporti internazionali anche millenari.

Il fenomeno si è ulteriormente sviluppato in questi anni grazie ai canali d’informazione, dando vita, in certi casi, a campagne di disinformazione o propaganda che coinvolgono vari settori: storia, politica, attualità, governo, territorio e ambiente, economia e finanza, fino alla scienza e alla salute, come testimoniato dopo la diffusione del Covid 19.

Nonostante ci siano varie linee d’azione intraprese da istituzioni, da realtà online basate sul “fact checking”, come Pagella Politica, e dalle stesse piattaforme di social media, tuttavia non esistono ancora strategie comuni o soluzioni condivise tra operatori presenti sul mercato dell’informazione, piattaforme online e istituzioni che possano debellare o combattere efficacemente questo fenomeno.

Share